venerdì 27 settembre 2013

Bankitalia: Un Paese ricco, Anzi ricchissimo, ma Diversamente ricco

Trecento Miliardi di Nero. Questa la copertina dell'Espresso in edicola. Il servizio del giornalista Liviadotti è centrato sull'uso del denaro contante che favorisce, dati alla mano, il Nero e l'evasione fiscale e impedisce l'aumento del PIL. La cifra di 300 miliardi di PIL di economia sommersa è sottostimata, ma comunque enorme, se si tiene conto che corrisponde al 17% del PIL e negli altri Paesi Europei e negli USA non supera il 6% del PIL. Il Settimanale conferma quanto andiamo dicendo da 10 anni. Ma la politica tace e va a sbattere perchè, se non interviene, i servizi essenziali, a cominciare dalla sanità, chiudono. Molto interessante ( ma quanti leggono?) Il Supplemento Statistico di Bankitalia( Dicembre 2012) sulla ricchezza delle famiglie italiane. La Banca Centrale scrive:” Alla fine del 2011 la ricchezza netta( reale come case , terreni ecc e finanziaria come titoli e depositi bancari, meno i debiti, i più bassi d'Europa) delle famiglie italiane era pari a circa 8619 miliardi di euro, corrispondenti a poco più di 140 mila euro pro capite e 350 mila euro in media per famiglia. Le attività reali rappresentavano il 62,8% del totale, le attività finanziarie il 37,2% e le passività finanziarie( i debiti) pari a 900 miliardi rappresentavano il 9,5% delle attività complessive”. E ancora:” Nel confronto internazionale le famiglie italiane mostrano un'elevata ricchezza netta , pari, nel 2010 a 8 volte il reddito disponibile, contro l'8,2% del Regno Unito , l'8,1 % della Francia, il 7,8 del Giappone, il 5,5% del Canada, e il 5,3% degli Stati Uniti. Esse risultano inoltre poco indebitate”. La componente finanziaria dell'intera ricchezza supera i 3500 miliardi di euro ed è la terza al mondo, superiore a quella di Francia e Germania. Quanti, di questi 3500 miliardi, sono poco puliti, imboscati nei paradisi fiscali ed evadono il fisco? Quindi, un paese ricco, anzi ricchissimo, ma diversamente ricco perchè la metà più povera della famiglie italiane deteneva il 9,4% della ricchezza totale, mentre il 10% più ricco deteneva il 45,9% della ricchezza complessiva. I fatti e i numeri che indico nell'articolo confermano : il sommerso, l'evasione fiscale e l'esportazione di capitali, riguarda soprattutto i ricchi. La politica di tutti i governi è stata fallimentare perchè ha contribuito ad allargare la forbice tra ricchi e poveri. 

fonte: Democrazia e Legalità