lunedì 4 novembre 2013

Baby mamme, una minoranza in crescita

(di Nicoletta Tamberlich)
  (ANSA) - Rappresentano una minoranza, ma nonostante i tempi,  l'Italia paese industrializzato, ha una presenza di oltre 10 mila mamme adolescenti , l'1% del totale delle donne che partoriscono. Il caso della ragazzina di 11 anni del Salento, prima media e quinto mese di una gravidanza frutto della relazione con il 'fidanzatino' di 17 anni, è certamente clamoroso perchè 11 anni sono davvero un'età piccola almeno nella nostra cultura, ma non isolato.
   L'ultimo rapporto di Save the Children sulle mamme teen ager, evidenzia come in Italia ce ne siano più di diecimila, e se la maggior parte hanno intorno ai 18 anni, ben 2.500 sono minorenni. Anche in questo caso si ripropone il divario tra nord e sud: il 71% delle baby-mamme vive al Sud, dove i nati da madri under 20 rappresentano il 3% del totale delle nascite nell'area, a fronte dell'1,3% nell'Italia nord-orientale e nord-occidentale e dell'1,1% dell'Italia.
  Seppur quantitativamente circoscritto, questo gruppo di mamme, a parere degli operatori che lavorano a loro contatto diretto, richiede un’attenzione particolare, che deve coinvolgere
non solo i servizi medico-sanitari, ma anche sociali ed educativi per consentire, operando in rete nel farsi carico dei casi specifici, il sano sviluppo sia della giovane mamma che del bambino. Questi numeri rappresentano un campanello d'allarme: l'età delle baby mamme è destinata ad abbassarsi
    Cosa significa essere genitori quando i coetanei vivono da figli?  L'emittente a target giovane, Mtv Italia ha aperto una pagina web in cui, con il supporto dell'Aispa, l'Associazione italiana e psicologia applicata, vengono affrontate le delicate questioni sulle minorenni in gravidanza - quindi la contraccezione, la salute, il sesso sicuro, la prevenzione, il rapporto con i partner e i genitori - cercando di stabile con i giovani spettatori quel contatto che può aiutare i ragazzi in momenti di grande difficoltà. 
Il fenomeno è tale che Mtv ha deciso di dedicare un programma destinato a queste donne e madri prima del tempo. Hanno tutte tra i 15 e i 17 anni, si chiamano Gemma, Carmen, Chiara, Sara, Fleur e Ivonne, vivono in diverse parti d’Italia e hanno una caratteristica che le accomuna: sono diventate o stanno per diventare mamme prima che adulte.
  Mtv  segue da vicino le loro storie, una vita che non sarà mai più la stessa, la quotidianità di ragazze «normali» che all'improvviso si ritrovano a gestire la responsabilità più grande che ci sia: una gravidanza e la prospettiva, poi realtà, di un figlio da crescere.  La trasmissione, prendendo spunto dalle due serie americane 16 and pregnant e Teen Mom, utilizza il linguaggio tipico del docu-reality per raccontare le vicende personali di queste  ragazze, «seguendo il naturale svolgersi degli eventi, senza interventi esterni, e di focalizzarsi sulle future mamme ma anche sulle figure che fanno parte del loro universo e che vivono con loro questo periodo di trasformazione e formazione».
    ll loro mondo offre un ventaglio ricchissimo di tappe emozionanti, un vero e proprio album dei ricordi, dalle tinte forti: la prima ecografia, il primo calcetto nella pancia, le nausee, il cambiamento del proprio corpo, sentire ogni giorno di piu' qualcosa che sta prendendo forma e respiro dentro di se'. 
    Gemma vive in un paese nelle vicinanze di Alba (CN) con la mamma, Luisa, e con il suo cane. Le sue migliori amiche sono Isa e Cristina con cui tutti i giorni Gemma va a scuola e che la appoggiano, la consigliano. Gemma ha incontrato Daniele in discoteca si sono messi insieme e, per tre anni, sono stati inseparabili. Poi Daniele l'ha lasciata e una settimana dopo Gemma ha scoperto di essere incinta. Ma la ragazza decidera' di tenere la bambina e di fare di tutto per riprendersi Daniele...

   Chiara è di Roma sta con Luca da 3 anni. Il loro non è mai stato un rapporto facile, hanno due caratteri molto forti e litigano per qualsiasi cosa. Si sono presi e lasciati tante volte, ma quando Chiara ha scoperto di aspettare un bambino hanno deciso lo stesso di andare a vivere insieme anche se...
   Ivonne è di Busto Arsizio (VA). Frequenta una scuola professionale per estetiste e quest'anno prenderà il diploma. fidanzata da un anno con Matteo, che ha 18 anni e studia ragioneria. Sono molto innamorati e passano tanto tempo insieme. Vivono tra casa della madre di Ivonne e quella della mamma di Matteo. Nonostante i pareri contrari e la giovane eta' hanno deciso di tenere il bambino ma... Carmen vive in provincia di Avellino, ha solo 16 anni ma ha gia' due bambini di un anno ed e' incinta del terzo figlio. Carmen ha dovuto lasciare la scuola e si occupa dei piccoli a tempo pieno...
   Fleur  vive a Valle di Maddaloni, in provincia di Caserta insieme alla mamma, casalinga, la sorella di 12 anni, il compagno della mamma e i suoi due figli. Il padre vive in Veneto con la sua nuova famiglia e lo vede due volte l’anno. Il fidanzato si chiama Pietro, ha 28 anni e stanno insieme da qualche mese. Fleur scopre dopo due mesi di essere incinta: la scoperta l’ha terrorizzata, aveva paura che lui sarebbe scappato e che per i genitori sarebbe stato un trauma. Ma non è stato così...
All’indirizzo www.mtv.it/sonoincinta è disponibile un blog informativo curato proprio dai professionisti di AISPA con informazioni utili sui temi affrontati dal programma. E' possibile inviare domande o suggerimenti su argomenti da approfondire che saranno oggetto di successivi post redazionali.

Ambiente: allarme sul futuro del mondo

Il riscaldamento globale causato dall'uomo accentuera' i problemi del mondo, causando un aumento della poverta', delle inondazioni, delle guerre e delle malattie. A dipingere un 'futuro' piu' violento e povero per il mondo e' una bozza del rapporto dell'Intergovernmental Panel of Climate Change, l'organizzazione intergovernativa creata dall'Onu che si e' aggiudicata il premio Nobel nel 2007 insieme ad Al Gore. Le conseguenze del riscaldamento globale si faranno sentire soprattutto sui piu' deboli, ma nessuno potra' sfuggire: la crescita economia mondiale rallentera' e il divario fra ricchi e poveri si accentuera'. Il rapporto, che sara' ufficialmente pubblicato in marzo e che sara' oggetto di revisione nei prossimi mesi, fotografa come il riscaldamento globale stia gia' avendo effetti sullo stile della vita della popolazione e cerca di delineare quello che accadra' in futuro, incluso un forte calo del reddito che peggiorera' la piaga della poverta', che sara' esacerbata soprattutto nei paesi a medio e basso reddito. ''Nel 21mo secolo l'impatto del riscaldamento globale rallentera' la crescita economica e la riduzione della poverta' - si legge nel rapporto -, erodendo la sicurezza alimentare''. L'aumento delle temperature ridurra' infatti la produzione di granturco mettendo a rischio le forniture alimentari globali e facendo salire i prezzi in un momento in cui la richiesta di cibo e' in aumento. L'aumento delle temperature causera' un calo della produzione di granturco fino al 2% ogni dieci anni per il resto del secolo. I rischi per l'agricoltura sono particolarmente elevati per i ''paesi tropicali, considerato anche il maggior tasso di poverta'' mette in evidenza il rapporto, in cui gli scienziati descrivono anche un mondo naturale in agitazione, con piante e animali che colonizzano nuove aree per cercare di fuggire all'aumento delle temperature, con il rischio di estinzione. Il rapporto pero' mette in evidenza come non sia ancora troppo tardi per ridurre le emissioni cosi' da ridurre i futuri rischi del cambiamento climatico. E invita alla pazienza: a fronte di forti investimenti per limitare le emissioni nocive, i risultati non saranno immediati e probabilmente non saranno osservabili prima della fine del secolo
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA