martedì 28 febbraio 2017

Al via la mappa del Dna di tutte le specie della Terra

Al nastro di partenza la mappa del Dna di tutte le specie della Terra: è l'obiettivo ambizioso al quale biologi e genetisti si preparano a lavorare e che potrebbe essere pronta fra 10 anni. Forte dell'esperienza accumulata in altre mappe genetiche molto vaste, come quella del Dna di tutti gli islandesi e quella di 500.000 britannici, l'iniziativa appena lanciata si chiama Biogenoma Terra e l'annuncio, riportato sul sito di Science, è arrivato dal convegno BioGenomics2017, organizzato a Washington dall'americana Smithsonian Initiative on Biodiversity Genomics e dal centro di ricerca cinese Bgi (Beijing Genomics Institute). 

"E' una grande idea", ha osservato il biologo Oliver Ryder, dell'Istituto di Ricerca e Conservazione dello zoo di San Diego in California. Per l'esperto, è la strada giusta per "capire davvero come si è evoluta la vita". Il progetto Biogenoma Terra (Ebp, Earth BioGenome Project), è molto complesso, ma non è impossibile se si affronta per tappe, ha osservato uno dei promotori, il genetista Harris Lewin, dell'università della California a Davis. 

Per esempio si potrebbe cominciare con la mappa del Dna di un membro di ogni famiglia di tutte le specie di piante, animali e organismi unicellulari. Inoltre si potrebbe collaborare con i progetti di sequenziamento già in corso, come genoma 10K, che prevede di trascrivere le sequenze del codice genetico di 10.000 esemplari di specie diverse di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi; e i progetti i5K e B10K, che prevedono di ottenere la mappa del Dna di 5.000 insetti e quella di tutte le 10.500 specie di uccelli.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

lunedì 27 febbraio 2017

Vitalizi, la proposta M5S: 'Basta, sono privilegio medievale'

"E' una balla quando ci dicono che i vitalizi sono stati aboliti: questo è un vitalizio mascherato. Questo è privilegio medievale che noi vogliamo abolire con 20 righe ed una semplice delibera". Così il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, presentando la proposta del Movimento sui vitalizi. "Abbiamo bisogno di fare pressione per evitare l'ennesimo privilegio" rincarano il deputato M5s Riccardo Fraccaro assieme alla senatrice Laura Bottici che leggono, durante la presentazione della proposta M5s sui vitalizi, i nomi di tutti i componenti degli uffici di Presidenza. "Sono poche persone, non serve una proposta di legge, basta un regolamento e queste persone da sole possono consentire che si arrivi ad un cambio radicale" affermano i due parlamentari.
"Oggi - prosegue - doveva arrivare il Aula la legge elettorale, qualcuno se lo ricorda? Nel silenzio generale è stata fatta slittare e ci hanno detto chiaramente che non si deve andare a votare a giungo e che questi signori si vogliono prendere la pensione a settembre".
Sulla proposta di lavoro di cittadinanza fatta da Matteo Renzi, Di Maio sostiene che l'ex premier "non abbia ancora capito la portata della batosta di dicembre: prende il reddito cittadinanza, la nostra proposta e la sostituisce con lavoro cittadinanza: queste sono solo operazioni di marketing politico che lo continuano a danneggiare: i cittadini lo hanno capito". Così il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, commenta la proposta di lavoro di cittadinanza fatta da Matteo Renzi. "Non c'è bisogno di arrivare in California per ammiccare alle nostre proposte e farne uno slogan" aggiunge Di Maio.
ECCO LA PROPOSTA M5S, PARLAMENTARI COME CITTADINI - Armonizzare il regime previdenziale dei deputati e dei senatori con quello dei lavoratori pubblici e privati, anche in relazione all'età di maturazione del trattamento pensionistico: è l'obiettivo della proposta del M5s che intende agire non con una proposta di legge ma per la via di una delibera dell'Ufficio di Presidenza di Camera e Senato.
I due organismi parlamentari dovrebbero approvare un regolamento ad hoc per il trattamento previdenziale dei deputati o dei senatori eletti nella XVII legislatura. La proposta prevede che "il regolamento entra in vigore il giorno successivo della sua approvazione" e che le disposizioni vengano applicate ai deputati e ai senatori "in carica". Entro 30 giorni dall'entrata in vigore della delibera i presidenti Boldrini e Grasso dovrebbero, sentito il collegio dei questori, provvedere con un decreto all'attuazione delle norme che parificano il trattamento pensionistico dei parlamentari alle prescrizioni introdotte sia dalla riforma Dini sia da quella Fornero.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Terrorismo: 007, per l'Italia rischio sempre più concreto

E' "sempre più concreto" il rischio che alcuni soggetti "radicalizzati in casa" decidano di non partire verso Siria ed Iraq determinandosi "a compiere il jihad direttamente in territorio italiano". Lo segnala la relazione annuale dell'intelligence inviata oggi in Parlamento, che parla di "pronunciata esposizione dell'Italia alle sfide rappresentate dal terrorismo jihadista".
Alle minacce alla sicurezza "non si risponde chiudendosi ma accettando la sfida. Più sicurezza non vuol dire meno libertà", dice il premier Paolo Gentiloni, presentando con il direttore del Dis Pansa la relazione annuale sull'intelligence. "I cittadini italiani possono essere certi, non della mancanza di minacce perché sarebbe un'illusione ma della la qualità molto alta di chi lavora per contrastarle".
La relazione annuale sulla politica dell'informazione per la sicurezza "racconta pur tra mille contraddizioni la capacità che c'è stata di conoscere, prevenire e contrastare sfide e minacce di vario tipo anche relativamente nuove per noi. E' motivo di soddisfazione", ha detto Gentiloni.
"L'Italia deve difendersi e difendere la propria sovranità. Non è nessuna concessione a strane idee di voler riportare in Ue dinamiche conflittuali nei singoli paesi, noi crediamo nell'Europa ma difendiamo tuttavia i nostri interessi tecnologici e strategici", ha detto ancora il premier alla presentazione, a Palazzo Chigi, della Relazione annuale sulla politica dell'informazione per la sicurezza, a cura del Dis.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Eutanasia, morto dj Fabo. L'ultimo viaggio in Svizzera. Cappato, ha morso un pulsante per morire

Dj Fabo e' morto alle 11,40, ha scelto di andarsene rispettando le regole, di un paese che non e' il suo''. A dare la notizia è Marco Cappato sul suo profilo Facebook. Nella struttura svizzera dove Fabiano è morto - la clinica Dignitas di Forck - ci sono la mamma, la fidanzata e alcuni amici.
Cappato, domani andrò ad autodenunciarmi - "Al mio rientro in Italia, nella giornata di domani, andrò ad autodenunciarmi, dando conto dei miei atti e assumendomene tutte le responsabilità". Lo ha detto Marco Cappato all'ANSA. Il reato che si configurerebbe sarebbe quello di 'aiuto al suicidio', ha detto. Cappato, dell'Associazione Luca Coscioni, ha accompagnato Dj Fabo in Svizzera per ottenere il suicidio assistito in una clinica specializzata.
Dj Fabo "ha morso un pulsante per attivare l'immissione del farmaco letale: era molto in ansia perche' temeva, non vedendo il pulsante essendo cieco, di non riuscirci. Poi però ha anche scherzato". A raccontare all'ANSA gli ultimi momenti di vita del Dj Fabo, che ha ottenuto il suicidio assistita in una clinica svizzera, è Marco Cappato dell'Associazione Coscioni, che ha accompagnato Fabo in questo suo ultimo viaggio.
Il giovane, cieco e tetraplegico dal 2014 a causa di un incidente stradale, ha anche scherzato poco prima di dare avvio alla procedura: "E se non ci riesco? Vorrà dire - ha detto Dj Fabo, come racconta Cappato - che tornerò a casa portando un po' di yogurt, visto che qui in Svizzera è molto più buono". Appena terminate le procedure preliminari però, ha proseguito Cappato, "Dj Fabo ha voluto procedere subito, ha voluto farlo subito senza esitare".
Dj Fabo agli amici, 'fatemi un favore,mettete sempre cinture' - "Non prendetemi per scemo ma devo chiedervi un favore: mettete sempre le cinture. Non potete farmi un favore più grande". Sono le parole che Dj Fabo ha detto ai tre amici che lo hanno accompagnato nella clinica svizzera dove ha ottenuto il suicidio assistito e che sono rimasti con lui fino alla fine. Lo riferisce all'ANSA Marco Cappato, dell'Associazione Coscioni, che ha seguito ed accompagnato Dj Fabo nella clinica oltralpe. Dj Fabo è rimasto cieco e tetraplegico dopo un grave incidente stradale nel 2014. Il giovane, racconta Cappato, "ha pronunciato queste parole da solo, senza aiuti. Ha trascorso i suoi ultimi momenti in vita con gli amici ed i familiari più stretti. Fino a poco prima che ci lasciassimo - afferma Cappato - ha continuato a ringraziarmi".
ansa

domenica 26 febbraio 2017

Serie A: Sassuolo Milan 0-1, Palermo Sampdoria 1-1

Il Milan vince in casa del Sassuolo tra le polemiche confezionando il regalo d'addio a Berlusconi dopo 31 anni di una gestione indimenticabile e tiene viva la sua corsa europea. Massimo risultato col minimo sforzo per la Lazio che si prepara al derby di Coppa Italia regolando l'Udinese con un rigore di Immobile in una giornata imperniata sul posticipo Inter-Roma che chiuderà un turno che ha visto ieri il 30/o successo casalingo di fila della Juve e la clamorosa sconfitta interna del Napoli di fronte a un'Atalanta ormai a tre punti dalla zona Champions. Si infiamma quindi la corsa per l'Europa mentre il pari del Palermo e le sconfitte di Crotone e Pescara sembrano chiudere ogni speranza di salvezza per le ultime tre. Mandorlini trova un punto all'esordio col Genoa acciuffando nel recupero un Bologna in dieci. La Lazio forse pensa un po' troppo al derby di mercoledì e affronta un po' contratta l'Udinese che si difende bene e contiene le scorribande di Keita e Anderson. Poi nella ripresa Inzaghi inserisce Milinkovic Savic e la squadra accelera, ma trova il vantaggio solo su un rigore concesso per un mani di Adnan su cui i friulani protestano molto. Immobile trasforma il penalty con un gran tiro per il suo 14/o gol in campionato, poi con mestiere la squadra controlla la gara restando a un punto dall'Atalanta. Emozioni e polemiche al Maipei stadium: il Sassuolo vuole un rigore su Berardi e lo ottiene subito dopo su Duncan, ma Berardi si fa ipnotizzare dal neo-maggiorenne Donnarumma e calcia fuori. Poi Bertolacci viene steso da Aquilani e Bacca trasforma il rigore scivolando e colpendo il pallone con entrambi i piedi e una traiettoria che inganna Consigli. Protesta furibonde, ma invano, del Sassuolo. Non sbaglia poi l'arbitro ad annullare un gol di testa di Bacca in fuorigioco. Il Sassuolo avrebbe tempo per recuperare ma si innervosisce e attacca con poca lucidita'. La difesa milanista contiene e nel finale gli ospiti sfiorano il raddoppio con Zapata.
ANSA

Sesso per un lavoro, sindaco denunciato

(ANSA) - BARI, 26 FEB - Avrebbe ricevuto richieste sessuali in cambio di un lavoro: è il motivo per cui una ragazza 26enne ha denunciato nei giorni scorsi il sindaco di un Comune in provincia di Bari. I fatti raccontati nella querela risalgono al 2015.
    La donna avrebbe incontrato il primo cittadino per chiedergli aiuto a trovare un impiego per lei e per il suo compagno, entrambi disoccupati. "Dopo quel maledetto incontro - denuncia la 26enne - mi ha incusso terrore e paura sempre in maniera crescente con il passare del tempo perché per poter ottenere il posto di lavoro avrei dovuto avere rapporti sessuali con lui".
    Il sindaco avrebbe quindi "importunato con messaggi e chiamate erotiche per lungo tempo" la donna. Quando ha deciso di denunciare, la 26enne racconta di aver incontrato il sindaco per l'ultima volta, alcune settimane fa, nel suo ufficio comunale dove le sarebbe stato sottratto il telefonino per rimuovere i messaggi compromettenti, che però la 26enne aveva già salvato su altro supporto consegnato alla polizia.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Eutanasia, dj Fabo in Svizzera per morire

E' arrivato in Svizzera il dj Fabo, che ha chiesto di poter morire al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "Fabo - ha riferito Filomena Gallo dell'Associazione 'Luca Coscioni' - si sta sottoponendo alle visite mediche previste dai protocolli. Tuttavia potrebbe ancora cambiare idea". In una clinica Oltralpe, di cui l'Associazione 'Coscioni' non ha voluto dare il nome, Fabo sta incontrando i medici e gli psicologi che stanno valutando se la richiesta di eutanasia sia accettabile. "Ci vorranno alcuni giorni per capire cosa succederà" ha concluso Filomena Gallo.
Con un post sul suo profilo Facebook, Marco Cappato, dell'Associazione Luca Coscioni, ha annunciato questa mattina di aver accettato di andare in Svizzera con DJ Fabo.
"Fabo mi ha chiesto di accompagnarlo in Svizzera. Ho detto di sì. #FaboLibero - in Svizzera" è scritto nel post. Appena due giorni fa, dopo il terzo rinvio dell'approdo del ddl sul Biotestamento in Aula alla Camera, DJ Fabo aveva lanciato un appello al Presidente Mattarella chiedendo il suo intervento per "sbloccare lo stato di impasse voluto dai parlamentari".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Auto contro la folla in Germania, morto uno dei tre feriti IL VIDEO CHOC

Una delle tre persone investite da un'auto a Heildeberg in Germania è morta. Si tratta di un 73enne tedesco, deceduto in ospedale in seguito alle ferite riportate. Gli altri due feriti sono un 32enne austriaco e una 29enne bosniaca, ma non sono gravi. 

L'uomo al volante dell'auto piombata sui pedoni è stato ferito a colpi di pistola dalla polizia dopo aver tentato di fuggire. E' stato
descritto come un 35enne tedesco.  La polizia non è ancora in grado di confermare indicazioni dei media locali secondo cui l'uomo - che è stato fermato dopo uno scontro a fuoco con le forze dell'ordine - soffrirebbe di disturbi mentali, ma si ritiene che abbia agito da solo.
ansa

Crolla palazzo a Catania, una vittima

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Un palazzo di tre piani è crollato intorno alle 2.30 della notte nel centro di Catania, probabilmente in seguito ad una esplosione provocata da una bombola di gas. Morta un'anziana donna, trovata tra le macerie insieme a quattro feriti, due dei quali trasportati in ospedale in codice rosso. Tra questi una bimba di un anno. Si cerca ancora tra quel che resta dell' edificio, ma si pensa non vi siano altri dispersi. Della palazzina, sventrata dall'esplosione, sono rimasti solo il tetto e le fondamenta.
    Evacuati i palazzi adiacenti.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

sabato 25 febbraio 2017

Speranza presenta DP: 'Il lavoro è il nostro simbolo e programma'

"L'articolo 1 della Costituzione, "L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro", è il tratto identitario più bello della nostra comunità. Noi siamo questo, è il nostro simbolo, il nostro progetto per l'Italia". Lo ha detto Roberto Speranza presentando "Democratici e Progressisti", il nuovo partito che nasce a sinistra del Pd.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA