venerdì 17 marzo 2017

Now is the time for married priests


It is time for the Catholic bishops to stop hoping for an increase in vocations to the celibate priesthood and to acknowledge that the church needs married priests to serve the people of God. We cannot have a Catholic Church without sacraments, and a priest is needed for the Eucharist, confession, and anointing.

At the Last Supper, Jesus said, “Do this in memory of me,” not “have a celibate priesthood.” The need for the Eucharist trumps having a celibate priesthood.

For at least 50 years, the Catholic Church in the United States has seen a drop in thenumber of priests. According to CARA reports, in 1970, there were 59,192 priests in the U.S.; by 2016, there were only 37,192. Meanwhile, the number of Catholics increased to 74.2 million from 51 million. That means the people/priest ratio grew from 861 Catholics per priest in 1970 to 1,995 per priest in 2016. These numbers include all priests both religious and diocesan, as well as retired priests. When the priests currently over 65 years of age die, these numbers will be even worse.

Already, in many parts of the United States, we have seen the impact of declining numbers of priests. Parishes are merging and closing. Few parishes have more than one priest. African and Asian priests have become missionaries to the United States. In rural areas, priests drive hundreds of miles on weekends visiting parishes in small towns that no longer have a resident priest. Some rural parishes might see a priest once a month. The number of priestless parishes rose from 571 in 1970 to 3,499 in 2016

The problem is not just in the United States; in fact, it is worse elsewhere. In 2014, there were 414,313 priests for 1.2 billion Catholics in the world, for a Catholics/priests ratio of 2,896 to one.

In Latin America, for historical reasons, there has been a shortage of priests for more than 100 years. This is one of the reasons that Evangelicals and Pentecostals have been successful in Latin America. If there is no priest in the town, people will go wherever there is a service.

Africa and Asia are pointed to as places where vocations are plentiful, but even in those areas, there are not enough priests. And already, vocations are beginning to fall in some places on those continents.

Why are vocations declining?

There are lots of theories. Conservatives tend to blame secular culture and the current generation of young people who are seen as self-centered consumers who lack the discipline and spirit of self-sacrifice necessary to be priests.

Sociologists point to demographic changes. Families are smaller. In a large family, parents support having one of their children become a priest, but if they have only one or two children, parents prefer grandchildren to priests.

Universal access to education also makes a difference. Historically, becoming a priest was one of the few ways to get an education, especially for a child not from a rich family. The priest was often the best educated person in the community, which gave him additional status. Today education is more readily available. The priest does not have the status he had in the past.

In brief, a lot of vocations in the past came from large families where the priest was the first member of the family to get a college education and where the family lived in a community where the parish priest was a respected figure. As this world disappears, so do vocations. Even in parts of India, where Catholics are educated, middle-class, and having fewer children, we see a decline in vocations already.

There is nothing to indicate that this will not continue to happen in Africa and Asia when Catholics become more prosperous. 

There have also been changes in the church that have affected vocations. The Second Vatican Council stressed the role of the laity and the importance of marriage as a path to holiness. Priesthood and religious life were taken off their pedestals.

Also, after the council, many ministries that previously were open only to priests became possible for lay people. There are now lay theologians, pastoral ministers, spiritual directors, teachers, as well as lay people working in chanceries and Catholic charities. Technically, a lay person can do almost anything a priest can except preside at the Eucharist, hear confessions, and anoint the sick. Those who felt called to serve the church saw that they could marry and do many things without being a priest.

American sociologist Dean Hoge surveyed young men working in campus ministry and found that significant numbers would be interested in being priests if they could marry. In fact, some argue that there has not been a decline in vocations; the bishops are simply not acknowledging that God is calling married men and even women to the priesthood.

Earlier this month, Pope Francis spoke about vocations and the possibility of ordainingviri probati, that is proven or tested married men.

"The problem is the lack of vocations, a problem the church must solve," Francis said. "We must think about whether viri probati are one possibility, but that also means discussing what tasks they could take on in remote communities. In many communities at the moment, committed women are preserving Sunday as a day of worship by holding services of the Word. But a church without the Eucharist has no strength."

In my column last week, I noted that one of the major achievements of Francis is his opening up debate and discussion in the church. Although Pope Paul VI briefly considered the idea, discussing married priests was not permitted under the last two papacies. I could not have written this column when I was editor of America (1998-2005). 

Even as an archbishop, Jorge Bergoglio was gently raising the issue of married priests. In Chapter 6 of On Heaven and Earth, he acknowledged that there were already married priests in the Catholic Church from the Eastern traditions (Byzantine, Ukrainian, or Greek), and he noted that they were good priests. The Western or Roman Catholic Church has the rule of celibacy, but the Eastern Catholic Churches, who are in union with Rome, have always had married priests. In the United States, we also have former Anglican and Lutheran priests who are married and operating as priests in the Catholic Church today.

For about the first 1,000 years of its existence, the church had married clergy. For the last 1,000 years, we have had the rule of celibacy. The rule is not always well observed. Bergoglio hated the practice of priests not living up to their commitment. He could be forgiving if the priest changed his ways, but he said he preferred a good layman to a bad priest. If a priest fathered a child, Bergoglio said the priest must leave because a child’s right to have a father was greater than a man’s obligation to remain a priest.

I believe that Francis is in favor of optional celibacy, but he is not going to suddenly announce from St. Peter’s Square that the church is going to have married priests beginning next week. That is not the way he operates. He believes in a collegial church where he makes decisions along with the college of bishops.

Erwin Krautler, a Brazilian bishop, approached the pope about having married priests in his huge diocese in the Amazon rain forest where there are 700,000 people and 27 priests. The pope’s response was to urge him to go back to his bishops’ conference and get the bishops to ask for it. This is the most likely way that married priests will be reintroduced in to the Roman branch of the Catholic Church. It will be at the request of bishops’ conferences for married priests in remote places where there is great need. But once married priests are introduced, they will spread quickly to other places.

If the people of God want married priests, they need to let their bishops know. The pope is waiting for the bishops to ask. People need to push their bishops to ask.
rcnonline.org

A cinquant’anni dalla «Populorum progressio». Bisogna affrettarsi


(Gualtiero Bassetti) Leggere le notizie sulla situazione drammatica dei sei anni di guerra in Siria o sul milione e mezzo di profughi che fuggono dal Sud Sudan e, contemporaneamente, ascoltare il dibattito sui migranti che ha animato la campagna elettorale olandese, ma che aleggia un po’ in tutta Europa, fa venire subito alla mente una celebre frase che il poeta romagnolo Dino Campana scrisse nel 1930 a un suo amico nell’ultimo scorcio della sua tragica vita: «Tutto va per il meglio nel peggiore dei mondi possibili».





Osservatore Romano

Caritas Internationalis sulle emergenze in diversi paesi. Serve una coscienza mondiale più forte

«Serve una coscienza mondiale più forte che si renda conto che l’umanità è in pericolo. Bisogna agire prima che sia troppo tardi. Dare cibo è assolutamente necessario però bisogna lavorare sulle cause dei conflitti». Così Michel Roy, segretario generale di Caritas Internationalis commenta l’allarme dell’Onu: il mondo sta vivendo la peggiore crisi umanitaria dal 1945. A rischio 20 milioni di persone, che non hanno cibo a sufficienza a causa della carestia. Gli effetti peggiori sono in Sud Sudan, Somalia, Yemen e Nigeria.
osservatoreromano

Corea, un cattolico verso la presidenza

(Paolo Affatato) Dopo l’impeachment della Park, è favorito il candidato del Partito democratico Moon Jae-in, che rilancia il dialogo con la Nord Corea e la “Sunshine policy”. Sarebbe un presidente cattolico, il che non dispiacerebbe certo alla Chiesa coreana. Moon Jae-in, avvocato 63enne e candidato leader del Partito Democratico, è strafavorito per le imminenti elezioni presidenziali in Corea del Sud, fissate il 9 maggio. La vicenda che ha coinvolto l’ormai ex presidente Park Geun-hye e la crisi politica seguita dall’impeachment, confermato dalla Corte Suprema, ha infatti fatto crollare i consensi al partito Saenuri
vaticaninsider

Dal pulpito ai banchi: ora i preti vanno a scuola per non sbagliare la predica

Un seminario sulla “Ars predicandi” per insegnare ai preti a tenere omelie “professionali”. A organizzarlo è stata la Pontificia università della Santa Croce, che ha dichiarato guerra alle omelie troppo generiche, astratte o scollate dalla realtà. «Troppe volte assistiamo ad omelie frutto di improvvisazione. Si tratta di tornare alla  predicazione dei padri della Chiesa ovviamente reinterpretandola in chiave moderna», ha spiegato don Sergio Tapìa Velasco, docente di media training e public speaking alla Pontificia Università.

I preti si ispireranno a Bergoglio

Al corso, che si articola in otto lezioni, partecipano sacerdoti di tutto il mondo, ai quali è stata indicata una stella polare da seguire per migliorare le loro omelie: «Abbiamo chiesto ai sacerdoti, quando predicano, di ispirarsi al modo di parlare di papa Francesco». «Non che un sacerdote debba snaturarsi e limitarsi a copiare: l’idea – ha precisato ancora don Tapìa – è quella di mutuare da Bergoglio la capacità di trasmettere speranza e andare all’essenziale».

Il ruolo dei social nella Chiesa moderna

Il corso, oltre a dare rudimenti ai sacerdoti su «come evitare omelie generiche e astratte che occultano la semplicità della parola di Dio», spiega anche come prepararsi per parlare a persone abituate al linguaggio multimediale. «Il punto è entrare in conversazione con le persone. La persuasione si dà quando l’altro viene ascoltato come amico. E i social in questo senso possono dare una grande mano», ha sottolineato don Tapìa, chiarendo che «ai sacerdoti però è richiesta anche la qualità della predicazione». Che significa anche una adeguata preparazione. «Un prete – ha ammonito il docente – deve preparare per tempo le omelie, senza ridursi all’ultimo momento come capita».
secoloditalia.it

Giornata mondiale del sonno, 10 curiosità sul dormire

La primavera, si sa, porta a tutti una ventata di energia, ma non è raro che il “risveglio dal letargo” sia accompagnato da qualche disturbo e, in generale, da un po’ di insonnia e da ritmi scombinati. Il 17 marzo è la Giornata mondiale del sonno,  ecco 9 curiosità sul tema del dormire.
1. Secondo uno studio c'è un'ora precisa di crisi di sonno in ufficio: le 15,30 l'ora dell'abbiocco.
2. Il sonnellino dopo pranzo aiuta a dormire bene. Non è un vizio per persone pigre: una pennichella a metà giornata aiuta a rilassarci e ad arrivare alla sera più disposti al sonno notturno. Ma non deve superare i 15-20 minuti.
3. Le donne dormono poco più degli uomini. Una mezz’ora in tutto: le donne tendono ad andare a dormire un po’ prima e si alzano poco dopo, secondo uno studio dell’Università del Michigan. Le donne risentono di più delle variazioni di luce e stagioni. Man mano che l’età avanza, abitudini maschili e femminili diventano più simili.
4. È vero che, quando non siamo nel nostro letto, dormiamo peggio. Una ricerca svolta alla Brown University di Providence, USA, e pubblicata su Current Biology ha evidenziato che, quando dormiamo fuori casa, l’emisfero sinistro del nostro cervello è semi-vigile e più attento ai rumori. Per questo, quando si è in hotel, è frequente svegliarsi poco riposati.
5. Essere mattinieri o tiratardi è questione di genetica. Sono state identificate dagli studiosi quindici regioni del DNA umano direttamente coinvolte nello svolgimento ritmi circadiani, quelli che fanno sì che alcuni di noi siano particolarmente attivi nelle prime ore del giorno e altri, invece, “ingranino” più tardi.
6. Per cominciare a fare yoga non è mai troppo tardi. Sono noti i benefici dello yoga e della meditazione per il benessere generale e la flessibilità del corpo. Per quanto riguarda la qualità del sonno, sono gli over 50 a ottenere i maggiori vantaggi: non si è mai troppo vecchi per raggiungere il benessere attraverso questi metodi di rilassamento.
7. Passeggiare favorisce il sonno. Bastano 15 minuti dopo cena e non solo si riuscirà a prendere sonno prima, ma anche la qualità e la durata risulteranno migliorati.
8. Il caffè aiuta a stare svegli, ma se il debito di sonno è troppo grande perde la sua efficacia. Gli studi dell’American Academy of Sleep Medicine evidenziano che il caffè perde il suo potere stimolante dopo solo due nottate con poche ore di sonno. Si sperimenta solo un effetto placebo.
9. la differenza più grande può farla il supporto su cui si riposa. «Al di là di queste curiosità e consigli, ognuno di noi sentirà i disturbi di stagione in modo diverso – dice Luigi Innocenti, uno dei titolari e fondatori di Astro Italia–.
10. Il sonno è una faccenda personale: non esiste la ricetta universalmente giusta per addormentarsi, ciascuno ha i suoi orari, il suo numero ideale di ore di sonno, ciascuno ha le sue preferenze in termini di materasso, che è migliore quando è realizzato su misura. Ascoltare il proprio corpo, dare attenzione ai suoi segnali e assecondarne le esigenze è il consiglio migliore per vivere al meglio l’arrivo della bella stagione.
ansa

CHAMPIONS, QUARTI DA BRIVIDO PER LA JUVE C'E' IL BARCELLONA

TURNO SHOW CON LA SFIDA REAL-BAYERN, 'SPOT PER IL CALCIO' Allegri ai quarti pesca l'avversario atteso e cerca la rivincita della finale 2015. Buffon: 'L'avversario non conta, esserci sì'. Per Zidane, allenatore del Madrid, l'incontro tra Real e Bayern è 'una finale anticipata'. Dortmund-Monaco e Atletico-Leicester completano i quarti. (ANSA).

PAPA A CONFESSORI, CONTRO IL MALIGNO CHIAMATE GLI ESORCISTI

UN ESERCITO DI 400 PRETI. 'CONFESSIONALE SIA SEMPRE APERTO' Il 'buon confessore' deve 'saper discernere' e se dietro la tendina si cela una persona con 'disturbi spirituali', 'non dovrà esitare' e rivolgersi 'agli esorcisti'. Lo ha spiegato papa Francesco ai sacerdoti riuniti nell'aula Paolo VI esortando a sceglierli però 'con molta cura, molta prudenza'. E i preti esorcisti non mancano: sono oltre 400 nel mondo, 240 quelli che operano in Italia. 
ansa

GRILLO SCONFESSA LE COMUNARIE DI GENOVA, SI RIVOTA

CASSIMATIS, SONO CHOCCATA E ASPETTO DELLE SPIEGAZIONI Il leader Cinquestelle toglie il simbolo a Marika Cassimatis, candidata sindaco di Genova, votata sul web dal popolo grillino; 'hanno ripetutamente e continuativamente danneggiato l'immagine del MoVimento 5 Stelle'. E a chi non capisce, Grillo dice, 'fidatevi di me'. Reagisce la candidata: 'aspetto che Grillo mi chiami per spiegarmi questa decisione. Siamo choccati da questa improvvisa fermata di una procedura democratica che aveva concluso il suo iter'. Ironia Pd, è padre-padrone. La base è perplessa. Lascia, in polemica, lo storico attivista Cristiano Panzera: 'non è più il M5S, è partito delle raccomandazioni' 
ansa

ALITALIA, 2.000 ESUBERI. SCIOPERO DI 24 ORE IL 5 APRILE

LUNEDÌ STOP DEI CONTROLLORI, 40% VOLI COMPAGNIA CANCELLATI Sono 2.037 gli esuberi, fra il solo personale di terra, indicati nel piano di rilancio di Alitalia, che prevede anche l'assunzione nel 2019 di circa 500 unità per il personale di volo. In arrivo, nel 2019, otto nuovi aerei per una decina di nuove rotte di lungo raggio. Ai sindacati il piano non piace e annunciano: 'sciopero, unitario, il 5 aprile, di 24 ore'. Già lunedì Alitalia cancella il 40% dei voli per un'agitazione di alcune sigle sindacali dei controllori di volo dalle ore 13 alle 17 e per l'intera giornata del 20 marzo.
ansa

ERDOGAN AI TURCHI IN EUROPA, 'FATE 5 FIGLI, FUTURO È VOSTRO'

E SUL BANDO AL VELO DICE: 'VIETATE ANCHE LA KIPPAH' Nuovo attacco di Erdogan all'Europa. Parla ai suoi 'fratelli in Europa' e suggerisce: 'comprate le auto migliori. Vivete nelle case migliori. Non fate tre figli, ma cinque. Perché voi siete il futuro dell'Europa. Questa sarà la migliore risposta all'ingiustizia che vi è stata fatta'. Sul divieto di portare il velo islamico nei luoghi di lavoro inveisce: 'Io vi sfido a vietare la kippah'. Massimiliano Voza, sindaco di Santomenna (Salerno) è stato espulso dalla Turchia per quelli che lui definisce 'surreali 'motivi di sicurezza'. Allo scalo di Istanbul gli hanno 'sequestrato e non restituito sia la fascia tricolore che il cellulare istituzionale'. 
ansa

Se la colpa è sempre della magistratura

C’è stato un tempo in cui a Roma, al teatro Valle, davano l’Apologia di Socrate e Dell’Utri aveva già problemi con la giustizia. Era il 2004, il senatore, appena condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, era il committente dellapièce teatrale. Potevano esserci dubbi? Come Socrate, anche Dell’Utri subiva un processo ingiusto. Colpa dei giudici. Allora. Oggi. L’accostamento al filosofo ateniese fu utilizzato (anche) per i processi a Berlusconi. Intervenne Umberto Eco: “Socrate si difese nel processo, non dal processo.” Parole chiare. Oggi il problema si ripresenta sotto altra veste, ma l’obiettivo è identico: la magistratura, il processo “ingiusto”. Woodcock è nel mirino dei giornaloni. Renzi ironizza: è “specializzato in inchieste che arrivano a un nulla di fatto.” Non è così. La verità è che fa paura l’inchiesta Consip. Occorre screditarlo e parte la macchina del fango. Dell’Utri era più elegante, utilizzava il teatro e la committenza, gli attori, l’arte, proponeva improbabili confronti, d’accordo, e strumentalizzava il filosofo, ma almeno c’era il tentativo di nobilitare un dramma, il suo, che ancora lo vede, in età avanzata, alle prese con la giustizia. 

Gli odierni denigratori della magistratura sono meno sofisticati. In fondo il loro argomento è: la magistratura non deve occuparsi dei politici, lo prevede la divisione dei poteri. Strana lettura di Montesquieu. L’Eprit des loisvuole/giustifica, in verità, l’ottimo lavoro del sostituto procuratore Woodcock. Ma la moda del tempo è incline a disprezzare le indagini dei magistrati. “Martedì approda al Senato la riforma del processo penale, che limita la pubblicazione delle registrazioni”. I cittadini non devono sapere. Predicano trasparenza e democrazia, molti, ma vanno nella direzione opposta. Il ministro Orlando utilizza il tema “intercettazioni” nelle primarie Pd. Valga la sintesi di Casson: “Non voterò la fiducia, prevalgono le esigenze di Orlando.” E’ questo il punto. Un giorno urgono le esigenze di B. o Verdini, un altro quelle – politiche – di Orlando. Mai che prevalgano le esigenze della giustizia. 

Strano Paese l’Italia. A venticinque anni da “Mani Pulite” la corruzione dilaga: Consip è un macigno sul congresso Pd, ma si fa finta di nulla, il problema non sono i ladri ma i magistrati; il problema è Woodcock e il giornalismo che racconta fatti. Dovremmo davvero riprendere in mano Platone. Non L’Apologia. Va rilettaRepubblica. Nel primo libro incontriamo Trasimaco: “La giustizia è l’utile del più forte”. Molti apprezzano la magistratura, oggi, se colpisce un debole; criticano se tocca i forti e il potere politico: ragionano come il sofista. Urge “definire i concetti”: che cos’è la giustizia? Se Orlando, Lotti, Renzi, avessero interiorizzato il tema, avremmo un Paese migliore: Orlando non utilizzerebbe la riforma come trofeo per scalare il Pd; Lotti non svelerebbe notizie sulle intercettazioni; Renzi avrebbe detto al babbo - al di là della favola sul “noi” - che non si fanno affari utilizzando il cognome (e la Presidenza del Consiglio). 

Infine: nessuno parlerebbe di “avvisi di garanzia segreti”, per mettere il bavaglio alla stampa. In fondo, pensandoci, si tratta di una ristretta visione della legge: “la giustizia è l’utile del più forte”. Molti sono fermi a Trasimaco e non conoscono - non hanno idea di quanto sia affascinante - la risposta di Socrate. Dovrebbe rileggerla anche il filosofo Biagio De Giovanni: non vuole “una repubblica giudiziaria”, in verità manipola l’idea di giustizia - la riduce a giustizialismo, per colpirla meglio - roba da sofisti. Retorica, che Berlusconi usò senza ritegno. Che venga presentata al Lingotto come idea nuova, col consenso dei giornaloni, la dice lunga sul trasformismo in atto. Solo l’inchiesta Consip e le prossime elezioni salveranno il Paese dal degrado.
MicroMega

I pifferai magici di un'Italia senza più spina dorsale

Pierfranco Pellizzetti, “Italia invertebrata – Personaggi e argomenti della decadenza del dibattito pubblico”, Mimesis edizioni, Milano, pag. 248, euro 22,00
di Simona Argentieri

Che bella illustrazione di copertina per un argomento così triste! Su un luminoso sfondo turchese naviga, distendendo tutti i suoi tentacoli fin nel risvolto, un mollusco color corallo – forse un paguro immaginario? – ben alloggiato in un guscio a coclea, avvolto elegantemente a spirale.

La suggestione biologica è peraltro perfetta per offrire raffigurabilità alla metafora del titolo, secondo il quale ad essere sprovvista di scheletro non è solo la parassitaria creatura marina, ma la nostra intera nazione: l'Italia invertebrata, appunto, della quale tratta con la consueta appassionata forza polemica Pierfranco Pellizzetti, che – lo dichiara subito egli stesso fin dalle prime pagine – si ispira al classico saggio di José Ortega y Gasset, secondo il quale ad essere invertebrata era allora, nel 1922, la Spagna.

L'autore convoca sul banco degli accusati quella che avrebbe dovuto essere l'impalcatura portante: l'intera classe dirigente, coloro chiamati a costituire la spina dorsale della Nazione. Troppo spesso – scrive – ci imbattiamo invece in "presunti 'maestri di pensiero' che di tale pensiero se ne rivelano i veri inquinatori". Personaggi diversi, ma con evidenti tratti comuni, la cui abilità non consiste nel plagiare le masse, ma nell'offrire loro ciò che già pensano, in una rassicurante reciproca conferma circolare del consenso.

Una sintesi del libro non è possibile, poiché la modalità di argomentare dell'autore è policentrica. Dopo la breve introduzione, si profilano due grandi blocchi, articolati in capitoli. Nel primo, "I personaggi", possiamo leggere: Ragazzi del sud, opinionisti neri; Operaisti, nell'inverno del loro scontento; Papisti attappetati e papocchioni; Mercatisti filo-golpisti; Liberali, liberisti, liberaloidi; I nuovi Pangloss; Il regno del falso.

Il secondo è invece intitolato "Gli argomenti": Armageddon Europa: L'alluvione immigrati; Tecnologia come pietra filosofale; L'italico eccezionalismo; La guerra di liberazione dell'art. 18; Meno tasse per tutti.
Il linguaggio, come si vede, è brillante e sarcastico e la mannaia della critica si distribuisce in ogni distretto della vita politica e della società.

Facendo mia la metafora di Pellizzetti, i conti tornano. Se passiamo dalla collettività all'individuo, in effetti constatiamo, sia nella patologia conclamata, sia nella 'piccola psicopatologia della vita quotidiana', quanto oggi prevalga l'eso-scheletro rispetto all'endo-scheletro. Cioè, nell'umanità contemporanea (e questo non vale solo per l'Italia) per lo più la struttura psicologica dell'io è carente, il processo di sviluppo precario, l'organizzazione della personalità è fragile e indefinita. Per contro, si è rafforzata la configurazione difensiva esteriore; l'identità è garantita dall'adesione alle formule stereotipate dell'apparire, a spese delle fatiche del percorso di identificazione.

Nel bene e nel male, non ci sono più le grandi nevrosi di una volta, solidamente strutturate e precisamente individuabili nella scala nosografica. Prevalgono invece le condizioni 'borderline', le personalità imitative, i 'falso sé … I quadri clinici sono dinamici e variabili, i confini tra le varie manifestazioni morbose spesso risultano imprecisati, con labili costellazioni sintomatiche sempre più aspecifiche. 

Anche nella vita comune le configurazioni di personalità sono più fluide e mutevoli. Non si vede quasi più la rigidità schiacciante del superio, il peso del senso di colpa. Per contro, a dominare la scena psicologica sono i meccanismi di difesa: rimozione, scissioni, regressione, ambiguità, negazione e diniego … come una sorta di corazza esteriore che serve a compensare il deficit di consistenza interiore. Si evitano angosce e conflittualità intrapsichiche, ma all'alto prezzo di un impoverimento di idee e affetti. E' un espediente che tende a perpetuare se stesso, poiché grazie alla corazza/guscio/carapace ci si regge in piedi, ma l'assetto interiore di personalità è sempre più connotato dalla mollezza dei tessuti, se non dal vuoto.

Non ho la competenza storica e la scioltezza di linguaggio politico dell'autore; talvolta mi sono smarrita nella giungla delle citazioni e nel deserto delle prospettive. Per affinità di interessi e sintonia, concentro allora la mia recensione sul capitolo "Il regno del falso", un tema che da tempo mi accompagna.

L'imbroglio, scrive Pellizzetti, è oramai eletto a tecnologia del potere, "proiettando la nostra gente in una dimensione dove l'apparire si traveste da reale". Una modalità malefica, concordo, secondo la quale inevitabilmente l'inganno viene fatto in variabile misura anche a se stessi. Così il consenso è diventato uno strumento gonfiato e viziato, tanto possente quanto capriccioso e precario. E' un modo di essere e di fare che esonera dalla fatica della coerenza con se stessi e dei relativi tormenti; ma che certo non rende felici.

L'autore non fa l'errore di attribuire tutto il male al tempo presente; anche nel passato prossimo "le spine dorsali diritte non risultano proprio una straripante maggioranza". Qualche inchino di troppo viene individuato perfino in personaggi come Lukács, Sartre, Togliatti … Si salvano Bertrand Russel e Rosa Luxembourg, che – seppure rinascessero – probabilmente non otterrebbero audience.

La pars destruens è inevitabilmente prevalente nel libro e non è certo intenzione di Pierfranco Pellizzetti fornire un elenco di rimedi. Se non si va all'origine del male, a quella disfunzione collettiva del senso dello Stato, alla carenza dei singoli cittadini di quello che una volta si chiamava l'impegno per il bene comune, ogni rimedio infatti non può che essere una nuova piccola scaglia che si aggiunge all'eso-scheletro, a tamponare provvisoriamente la falla del sistema difensivo che recalcitra a fronte della assunzione di responsabilità.

Non è paradossale dunque se quanto più ci si trova d'accordo con le sue denunce, tanto più la lettura di queste pagine genera malessere (rabbia e sconforto in variabili proporzioni) e alla fine, quando il libro si chiude, ne residua una sensazione di disagio, se non di colpa per non aver saputo porre argine a tanto degrado.

Lascio all'autore la domanda finale, più una invocazione che una aspettativa di riscontro, nella quale si chiede se e quando questa Italia invertebrata si possa risvegliare dal losco incantesimo che la paralizza:

"… Molto più importante capire se l'impegno intellettuale potrà tornare a svolgere il suo ruolo di frontiera, riattivando l'idea di progresso democratico, o se le sue sorgenti sono state completamente inaridite dalla siccità culturale e dai cedimenti morali della fase storica agli sgoccioli." (Risveglio dall'incantesimo? pag. 27)

Personalmente, non so intravedere il 'quando'; sono però convinta che ciò possa avvenire solo se si mette davvero in discussione il nodo nevralgico della relazione scellerata – come già scriveva Ortega y Gasset – "tra la massa e la minoranza dirigente"; tra coloro che amministrano il potere politico e coloro che glielo conferiscono e consentono loro di sperperarlo.

Il volume di Pierfranco Pellizzetti verrà presentato il 24 marzo a Genova a Palazzo Ducale, con Matteo Pucciarelli, Alessandro Cavalli e Simone Regazzoni, e il 12 aprile a Milano alla libreria Open, con Giulio Giorello e Paolo Costa.
MicroMega

Barbaglio il suo fondamentale “Gesù ebreo di Galilea”

(CdB San Paolo – Roma)
Il 28 marzo di quest’anno si compiono 10 anni da quando Giuseppe Barbaglio ci ha lasciati. In verità tutti quelli che hanno letto i suoi libri e hanno avuto la fortuna di ascoltarlo in convegni o incontri o ancor meglio presso le rispettive comunità o gruppi biblici sanno bene che egli è sempre presente tra noi. E non è questa una formula retorica o consolatoria.
Quante volte infatti il suo fondamentale “Gesù ebreo di Galilea” o i suoi studi sull’apostolo Paolo vengono citati durante le nostre eucarestie o ricerche bibliche quando abbiamo dubbi sui passi difficili delle scritture?
A lui peraltro siamo debitori non solo e non tanto per il fatto che ci aiuta con i suoi commenti, quanto perché ci ha messo a disposizione un metodo di ricerca, l’esegesi storico-critica, che lui stesso ha proficuamente utilizzato per dare concretezza e attendibilità ai suoi studi e che resta per tutti un prezioso strumento di lavoro. Dalla settimanale presenza al gruppo biblico della Comunità di S. Paolo, per esempio, nasce il suo “Viaggio dentro la Bibbia” (CNT editore), una sorta di manuale di istruzioni per l’uso delle scritture ebraiche e cristiane, viatico necessario per chi senza particolari studi precedenti si avvicina quelle antiche testimonianze.
Ma parlando in generale, il testo che più lo ha fatto conoscere ad un largo pubblico è il già citato studio su Gesù, pubblicato in due edizioni ed in un numero di copie inusuale per un serio libro di ricerca scientifica sul Nazareno. Questo testo ha avuto la ventura di venire alla luce parallelamente alla traduzione italiana dei primi volumi dell’opera “Un ebreo marginale – ripensare il Gesù storico” di J. P. Meier, (Queriniana, 2001 e sgg.) che è condotto anch’esso secondo i rigorosi criteri dell’indagine storico-critica e arriva quasi sempre alle stessi conclusioni di Barbaglio. Dalla loro lettura emerge un quadro dei detti e dei fatti di Gesù liberato dalle aggiunte conseguenti alle elaborazioni teologiche o apologetiche della prime comunità post-post-pasquali.
Intendiamoci: non è detto che tutto ciò che non risale, con più o meno probabilità, a Gesù sia per ciò stesso materiale deteriore e da trascurare. Anche ciò che ha elaborato la comunità può essere valido, basta valutarlo caso per caso e con la consapevolezza di questa sua origine.
Facciamo un esempio. Grazie ai libri di Barbaglio e del Meier (e di altri) sappiamo ora che i cosiddetti “vangeli dell’infanzia” di Matteo e Luca non sono storici, nel senso che non narrano fatti realmente accaduti così come vengono presentati. In essi si possono tuttavia trovare racconti che amplificano e interpretano, ma non alterano l’insegnamento di Gesù, e altri che invece non hanno nulla a che vedere col suo messaggio.
Nel primo caso rientra la narrazione di Gesù che nasce povero, viene adorato dai pastori, è ricercato da Erode che lo vuole uccidere perché potrebbe mettere in discussione il suo potere. Ciò è conforme al suo “farsi povero”, al suo insegnamento sui poveri, destinatari privilegiati del Regno che viene, nonché alla sua persecuzione e morte.
All’opposto, la narrazione della sua nascita miracolosa da una vergine non ha nessun aggancio con ciò che lui ha detto o fatto in vita e, come direbbe un tradizionalista, con la “storia della salvezza”. Essa è frutto di una comunità che sta riflettendo teologicamente sulla divinità di Gesù. Sappiamo però quale enfatizzazione ha avuto in seguito questo aspetto della verginità, divenendo un bene in sé a scapito di una corretta visone del sesso e spingendo verso forme di culto mariano francamente paganeggianti.
Sarebbe troppo lungo parlare della ricchezza di informazioni e interpretazioni che si trovano nei vari libri di Giuseppe su Paolo di Tarso (per es. la traduzione e il commento delle sue lettere (Borla); il volume “Gesù di Nazaret e Paolo di Tarso (2006); “Il pensiero dell’apostolo Paolo” (2004) entrambi delle Dehoniane). Da quest’ultimo ritengo utile segnalare, per le discussioni che spesso ci impegnano, il capitolo XV: “Il vangelo della morte liberante e oblativa di Cristo” per una parola motivata e risolutiva sul problema della pretesa morte “sacrificale” di Gesù.
E’ anche da ricordare, in conclusione, che il metodo di indagine di cui si sono avvalsi sia Barbaglio che Meier, l’esegesi storico-critica, è da tempo oggetto di critiche anche severe da parte di studiosi e rappresentanti dell’Istituzione (tra i quali lo stesso papa Ratzinger nel suo “Gesù di Nazaret”). Tali critiche sono state motivatamente respinte dallo stesso Barbaglio nell’appendice alla seconda edizione del suo “Gesù, Ebreo di Galilea”.
Si tratta, dice Barbaglio, di un equivoco nato probabilmente dal timore che queste ricerche sul Gesù storico mettano in discussione la sua divinità e vari istituti e dogmi che su questa divinità sono stati costruiti. Si tratta invece di due àmbiti diversi di indagine che devono restare distinti: la ricerca storica su Gesù non presume di fare teologia e non si interessa di storia della Chiesa. Vuole solo depurare ciò che con maggiore o minore probabilità può farsi risalire al Nazareno da ciò che la Chiesa post-pasquale ha detto di lui.
Una cosa è la fede di Gesù e un’altra la fede in Gesù. Il “sottile ponticello che unisce le due sponde” come dice Giuseppe può essere superato da chi si sente cristiano o non essere superato da chi è ebreo, agnostico o ateo. La vicenda del Gesù storico resta in entrambi i casi la stessa, anzi è una più solida base per ogni riflessione e ogni scelta.

Pozzolo, parroco sott’accusa per il prelievo di 22 mila euro

Pozzolo Formigaro - L’accusa è brutta, soprattutto per un sacerdote la cui missione è predicare il settimo comandamento: non rubare. Don Stefano Calissano, novese di 44 anni, non è accusato proprio di furto, ma di un comportamento che molto ci assomiglia e che il Codice penale definisce «appropriazione indebita» aggravata. È sotto processo per la sottrazione di 22 mila euro, prelevati dal conto bancario dell’ente ecclesiastico denominato Confraternita del Gonfalone di Pozzolo Formigaro.
Dopo la prima udienza, in cui si è esposto al giudice Andrea Amati l’elenco dei testimoni che si intende ascoltare, è stata fissata la data in cui si comincerà a entrare nel vivo della vicenda: 19 maggio.
Il fatto ricostruito dalla procura si riassume nel capo d’imputazione, partendo dal ruolo del prete: era parroco della comunità religiosa di San Nicola da Bari (anche detta di San Niccolò), a Pozzolo. In quella veste rivestiva anche il ruolo di amministratore dei beni della confraternita dei quali poteva disporre per far fronte alle spese dell’ente stesso purché il denaro necessario fosse richiesto con firma congiunta del parroco medesimo e del primo priore.
Secondo l’accusa, don Calissano, «senza indire riunione alcuna dell’assemblea dei confratelli»,modificò lo statut o (che contiene, appunto, l’obbligo della doppia firma) e si presentò in banca a riscuotere, uno dopo l’altro, tra giugno e agosto 2012, tre assegni (10, più 10, più 2 mila euro).
Don Calissano, difeso da Roberto Tava, è deciso a chiarire il proprio comportamento: i soldi erano destinati al rifacimento del tetto della confraternita.
ilsecoloXIX.it

Assegno di ricollocamento per 30mila disoccupati: ecco come funziona

Al via l'assegno di ricollocazione per 30mila disoccupati. Le prime lettere per i beneficiari saranno spedite nei prossimi giorni dall'Anpal, la nuova Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro. Il premier Paolo Gentiloni ha spiegato che entro l'estate saranno 300mila i disoccupati beneficiari del provvedimento. "A pochi giorni dal quindicesimo anniversario del barbaro assassinio di Marco Biagi è doveroso ricordare il suo messaggio lungimirante sulle politiche attive del lavoro, che prevedono non solo la tutela dei posti di lavoro ma l'assistenza e l'accompagnamento del lavoratore da parte dello Stato" ha detto il presidente del Consiglio.
Che cos'è l'assegno di ricollocazione? Si tratta di uno strumento che punta ad aiutare le persone disoccupate nella ricerca di un lavoro, offrendo un servizio personalizzato e intensivo di assistenza presso i centri per l'impiego o operatori autorizzati. Può essere richiesto dalle persone disoccupate che ricevono la Nuova assicurazione sociale per l'impiego (Naspi) da almeno 4 mesi.
Chi potrà usufruirne? La sperimentazione interessa, appunto, circa 30.000 potenziali beneficiari, individuati con estrazione casuale, che saranno avvisati personalmente del loro inserimento nella sperimentazione con messaggio al cellulare, messaggio di posta elettronica e lettera raccomandata.Per informazioni è possibile contattare il numero verde 800.000.039,attivo dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì, e la casella e-mail:info@anpal.gov.it.

Di che cifra si tratta? Dipende dal tipo di lavoro che si è perso e dalla regione in cui si vive. L'ammontare dell'assegno, che concretamente è corrisposto all'ente che eroga il servizio di assistenza alla ricollocazione, dipende dal livello diciamo di "occupabilità" della persona. Quindi, maggiore è la sua distanza dal mercato del lavoro, maggiore sarà l'assegno e quindi più forte il sostegno per reinserirsi. I valori minimi e massimi che si possono ottenere combinando questi due criteri vanno da 1.000 a 5.000 euro in caso di risultato occupazionale che preveda un contratto a tempo indeterminato (compreso apprendistato); da 500 a 2.500 euro in caso di contratto a termine superiore o uguale a 6 mesi; da 250 a 1.250 euro per contratti a termine da 3 a 6 mesi (solo in Campania, Puglia,Basilicata, Calabria e Sicilia).
Cosa faranno i beneficiari dell'assegno? I soggetti erogatori della misura sono i centri per l'impiego selezionati dalle Regioni, le agenzie per il lavoro accreditate ai servizi per il lavoro e la Fondazione consulenti del lavoro. La sperimentazione prevede l'affiancamento di un tutor al soggetto destinatario dell'assegno e proposta di un programma di ricerca intensiva di una nuova occupazione; impegno della persona a svolgere le attività individuate dal tutor e ad accettare le offerte di lavoro congrue. Un eventuale rifiuto ingiustificato da parte del soggetto farà scattare dei meccanismi di graduale riduzione delle misure di sostegno al reddito; sospensione del servizio se la persona ottiene un'assunzione in prova o a tempo determinato e ripresa del servizio nel caso in cui il rapporto di lavoro abbia avuto una durata inferiore a sei mesi; una sola possibilità di cambiare l'ente che eroga il servizio di assistenza.
avvenire

Estetica oncologica: belle si può!


Sentirsi belle si può, anche quando si affrontano le cure oncologiche e i loro pesanti effetti collaterali. Dal 2013, all'interno dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano (IEO), esiste uno Spazio Benessere completamente dedicato alle pazienti. Si tratta del primo nucleo di attività dell'Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO) voluto da due donne: un'imprenditrice e un medico, la dottoressa Ambra Redaelli

radio vaticana

Lo stile per una casa rifugio dallo stress

Per i danesi la casa è un rifugio felice pensato all’insegna della condivisione e del relax Il termine danese hygge non ha una traduzione letterale, deriva probabilmente dal germanico hyggja e significa sentirsi soddisfatti. Questa parola si riferisce alla filosofia tipica dei paesi nordici basata sull’armonia, la gratitudine, il benessere. Forse è per questo che il popolo danese è uno dei più felici al mondo, perché ha scoperto l’importanza delle cose semplici e di ritagliarsi tempo per sé, senza lasciarsi affannare da ritmi frenetici e stress. Uno stile di vita che si riflette anche sul modo di arredare la casa. 
ansa

El Anany, statua gigante non è Ramses

IL CAIRO, 16 MAR - La statua gigante rinvenuta la settimana scorsa al Cairo probabilmente non raffigura Ramses II, come ipotizzato in un primo momento, ma un altro faraone meno antico, Psammetico I: lo ha riferito il ministro delle Antichità egiziane, Khaled El Anany in una conferenza svoltasi nella capitale egiziana. "Quando abbiamo scoperto la statua, il suo posto, di fronte a un tempio di Ramses II, le sue dimensioni ci hanno portato immediatamente a pensare che fosse Ramses II o una statua riusata da Ramsete II ma appartenente ad un re precedente", forse, "della XII dinastia come ci sono molti esempi a Heliopolis" ha ricordato il ministro nella conferenza stampa trasmessa in tv in occasione del trasferimento al Museo del Cairo dei grandi pezzi della statua alta nove metri.
    "Ma quando è stata sollevata la testa abbiamo cominciato a trovare alcuni elementi che sono caratteristici di altri periodi": specialmente "la forma del capo, l'occhio destro, la faccia allungata e alcuni elementi del corpo". ha rivelato El Anany.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

I santi del 17 Marzo 2017


San PATRIZIO   Vescovo - Memoria Facoltativa
Britannia (Inghilterra), 385 ca – Down (Ulster), 461
«Arrivato in Irlanda, ogni giorno portavo al pascolo il bestiame, e pregavo spesso nella giornata; fu allora che l’amore e il timore di Dio invasero sempre più i...
www.santiebeati.it/dettaglio/26400
San GIOVANNI SARKANDER   Martire
Skoczow, Slesia, 20 dicembre 1576 - Olomouc, Moravia, 17 marzo 1620
Il martire moravo Giovanni Sarkander studiava teologia, ma era destinato al matrimonio. La fidanzata, però, morì prima delle nozze. Allora - nel 1608 a 32 anni - venne ordinato pre...
www.santiebeati.it/dettaglio/45825
San PAOLO DI CIPRO   Monaco e martire
m. 770 circa
www.santiebeati.it/dettaglio/45830
San CORRADO DI BAVIERA (DI CHIARAVALLE)   Monaco e eremita
m. 17 marzo 1154
Attratto dalla santità di San Bernardo, entrò nel monastero di Chiaravalle. Ottenuto il permesso, si ritirò a vita eremitica in Terra Santa.
www.santiebeati.it/dettaglio/45840
San GABRIELE LALEMANT   Gesuita, martire in Canada
Parigi, 10 ottobre 1610 – Canada, 17 marzo 1649
www.santiebeati.it/dettaglio/92012
Santa GERTRUDE DI NIVELLES   
Nivelles - Brabante (Belgio), 626 - ivi, 17 marzo 659
Figlia di Pipino di Landen, signore nel Brabante e antenato di Carlo Magno, alla morte del padre (639) si fa monaca con la madre Itta e la sorella Begga. La madre fonda un monaster...
www.santiebeati.it/dettaglio/45800
Santi MARTIRI DI ALESSANDRIA D’EGITTO   
m. 392 circa
www.santiebeati.it/dettaglio/45810
Sant' AGRICOLA DI CHALON SUR SAONE   Vescovo
m. 580
www.santiebeati.it/dettaglio/45820
Beato TOMMASELLO DA PERUGIA   
Sec. XIII
www.santiebeati.it/dettaglio/92060

Beato GIOVANNI NEPOMUCENO ZEGRí Y MORENO   Fondatore
Granada, Spagna, 11 ottobre 1831 - Malaga, Spagna, 17 marzo 1905
Giovanni Nepomuceno Zegrìy Moreno, fondatore delle suore Mercedarie della carità, nacque nel 1831 a Granada, dove fu ordinato sacerdote nel 1855. Fu esaminatore sinod...
www.santiebeati.it/dettaglio/91830

LA ROMA NON CE LA FA, 2-1 AL LIONE MA NON BASTA

Undicimila fan in delirio, ieri sera a Torino dove ha aperto il suo tour mondiale Ed Sheeran, musicista 26enne finito in pochi mesi nelle hit di 30 paesi e in vetta a Spotify e a Youtube con 7 miliardi di download. Intanto la Roma ha battuto il Lione 2-1 all'Olimpico nel match di ritorno degli ottavi di finale di Europa League, ma non basta ai giallorossi a ribaltare il 4-2 dell'andata. Ai quarti vanno i francesi.(ANSA).


MUSICA: ED SHEERAN A TORINO, 11.000 IN DELIRIO

Undicimila fan in delirio, ieri sera a Torino dove ha aperto il suo tour mondiale Ed Sheeran, musicista 26enne finito in pochi mesi nelle hit di 30 paesi e in vetta a Spotify e a Youtube con 7 miliardi di download. 
ansa

DONNA UCCISA IN CALABRIA: SVOLTA INDAGINI, FERMATO VICINO

DECISIVO ESAME RIS SU TRACCE SANGUE, HA RISCHIATO LINCIAGGIO Svolta nelle indagini sull'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa la sera dell'8 marzo nella sua abitazione a Cirò Marina. I carabinieri hanno fermato, con l'accusa di omicidio pluriaggravato, un vicino di casa, Salvatore Fuscaldo, bracciante agricolo. Decisivi gli esami del Ris. Davanti alla caserma si è radunata una folla inferocita e Fuscaldo ha rischiato il linciaggio. Adesso resta da chiarire il movente. Tra le ipotesi anche quella di una questione economica. 
ansa

MARRA: CASSAZIONE CONFERMA CUSTODIA IN CARCERE

RESPINTO RICORSO DIFESA EX BRACCIO DESTRO SINDACA RAGGI La Cassazione ha deciso che Raffaele Marra, l'ex braccio destro di Virginia Raggi, deve rimanere in carcere a 'Regina Coeli' dove si trova recluso dallo scorso 16 dicembre con l'accusa di corruzione. Secondo i pm si sarebbe fatto dare dall'immobiliarista Sergio Scarpellini 370 mila euro nel 2013 per acquistare un appartamento nel quartiere capitolino dei Prati Fiscali, in cambio di favori connessi alla sua funzione. La decisione giunge a pochi giorni dal suo rinvio a giudizio con rito immediato. L'udienza è fissata per il prossimo 25 maggio. 
ansa

SIRIA:ATTIVISTI, RAID SU MOSCHEA OVEST ALEPPO, 35 MORTI

FORZE AEREE SIRIANE E RUSSE ATTIVE NELL'AREA E' di almeno 35 morti il tragico bilancio di un raid aereo contro una moschea a Jeenah nella provincia di Idlib in Siria, zona controllata dai ribelli. Lo riferiscono attivisti siriani e nuclei di primo intervento. Più alto il bilancio secondo l'Osservatorio siriano dei diritti umani che parla di almeno 42 morti, molti dei quali civili. Jeeneh si trova a ovest di Aleppo dove si sono rifugiati centinaia di migliaia di siriani in fuga dai combattimenti.Nella regione le forze russe e siriane hanno condotto in passato dei raid. 
ansa

TRUMP: PER COMMISSIONE SENATO USA NESSUNA INTERCETTAZIONE

GCHQ NEGA ACCUSE CONTRO 007 GB DI AVER SPIATO PER CONTO OBAMA All'indomani del doppio stop di due giudici federali al bando bis sui migranti, Donald Trump incassa un altro colpo: la commissione intelligence del Senato Usa ha escluso che la Trump Tower sia stata oggetto di sorveglianza da parte del governo americano tramite intercettazioni, sia prima che dopo l'Election Day del 2016. La Casa Bianca insiste: 'Ci sono un molte indicazioni da diversi media a segnalare che qualcosa è successo", ha detto il portavoce. Una smentita giunge intanto, in una rara uscita pubblica, dalla Gchq, agenzia britannica coinvolta nel Datagate: sospetti "totalmente ridicoli che devono essere ignorati", ha detto un portavoce. 
ansa

G20: RISCHIO SCONTRO USA-UE SU CAMBI E PROTEZIONISMO

MERKEL A WASHINGTON, PRIMO INCONTRO CON TRUMP Si aprirà tra poche ore a Baden Baden la riunione dei ministri delle Finanze del G20 e dei governatori delle banche centrali con il presidente della Bce Mario Draghi dove potrebbero emergere le tensioni tra Washington e Berlino, proprio nel giorno in cui Angela Merkel vola a Washington per il primo incontro tra un leader europeo e il presidente Trump. Alla prova è l'impegno delle grandi economie ad evitare il protezionismo. Poche ore prima di partire per Washington, Merkel era al telefono con Xi Jinping: insieme contro il protezionismo e per il libero commercio. 
ansa

VOUCHER ADDIO DAL 2018, MA LE IMPRESE NON CI STANNO

DAMIANO, RIVEDERE ANCHE APPALTI. ARRIVA BONUS RICOLLOCAZIONE Voucher verso l'abrogazione, passando per una transizione fino alla fine di quest'anno. La commissione Lavoro della Camera ha approvato la loro eliminazione, decisione che il consiglio dei ministri, convocato per le 11, dovrebbe tradurre in decreto. La scelta non piace alle imprese, che si dicono deluse. Per il presidente della commissione Cesare Damiano (Pd) sarebbe stato meglio limitare alle famiglie l'utilizzo dei voucher. "Si è scelta questa strada anche perché ci sono i referendum, credo però che adesso il governo dovrà decidere anche sul tema degli appalti, intervenendo sulla responsabilità solidale", ha aggiunto. Al via gli assegni di ricollocazione. 
ansa