domenica 19 marzo 2017

TROPPI IN PARLAMENTO VIOLANO LEGGI, IMPATTO GRAVE SU SOCIETÀ

'Mai evocato la violenza, anzi, provo a scongiurarla anche perché sono molto preoccupato del fatto che troppe persone in Parlamento violino le leggi, come è accaduto per la Severino; ciò ha un impatto devastante sulla società. Chiedo l'intervento immediato del presidente Mattarella affinché si vada subito al voto". Così Luigi Di Maio secondo il quale 'le riforme del codice e del processo penale non rafforzano la lotta al crimine. Si dimezzano i fondi per le intercettazioni'. 
ansa

Bagnasco, Scola e Vallini. Al via la scelta dei successori. E spunta l’ipotesi di un parroco come vicario di Roma

Il primo semestre del 2017 segnerà tre pensionamenti importantissimi per la Chiesa italiana. E molto probabilmente tutti e tre avverranno nello stesso momento. Angelo Bagnasco, Angelo Scola e Agostino Vallini sono già formalmente in “zona Cesarini”. Il primo, il 7 marzo scorso, ha concluso il secondo quinquennio come presidente della Conferenza Episcopale Italiana e Bergoglio lo ha prorogato fino all’assemblea generale della Cei che si terrà dal 22 al 25 maggio prossimi in Vaticano. In quell’occasione i presuli della Penisola, per la prima volta nella storia, eleggeranno una terna di vescovi diocesani all’interno della quale il Papa, in qualità di primate d’Italia, dovrà scegliere il presidente della Cei.
Le votazioni inizieranno già il secondo giorno dei lavori, ovvero il 23 maggio, ed è facile ipotizzare i nomi che potrebbero comporre la terna. Tra i più accreditati, infatti, ci sono i cardinali Giuseppe Betori di Firenze e Gualtiero Bassetti di Perugia-Città della Pieve e il vescovo Franco Giulio Brambilla di Novara, attuale vicepresidente della Cei per il Nord. Non è un mistero che Francesco ha sempre manifestato una grande ammirazione per Bassetti verso il quale, se la terna dovesse essere questa, dovrebbe cadere la scelta del Papa. Il decennio di Bagnasco alla guida della Chiesa italiana si concluderà con un atto di omaggio da parte di Bergoglio. Sabato 27 maggio, infatti, è in programma la visita pastorale di Francesco a Genova, arcidiocesi guidata proprio da Bagnasco che nel 2006 è succeduto alla guida della sua chiesa natale al cardinale Tarcisio Bertone chiamato a Roma da Benedetto XVI come suo Segretario di Stato.
Una visita, quella nel capoluogo ligure, che si sarebbe dovuta svolgere un anno fa ma che il Papa ha poi rimandato al 2017 a causa degli impegni del Giubileo straordinario della misericordia. Stessa sorte toccata anche a Milano dove Francesco ha rimandato al 25 marzo prossimo la visita che aveva già programmato per il 7 maggio 2016, la cui data era stata annunciata ufficialmente sia dal cardinale Scola che dalla Santa Sede. E’ facile ipotizzare che prima dell’assemblea generale della Cei il Papa non manderà in congedo il porporato ciellino che il 7 novembre scorso ha compiuto 75 anni, l’età canonica della pensione. Così anche il cambio al vertice del vicariato di Roma dovrebbe avvenire con la fumata bianca per la nomina del nuovo presidente della Conferenza Episcopale Italiana.
Il 10 marzo scorso, di ritorno dalla settimana di esercizi spirituali svoltisi ad Ariccia, Francesco ha voluto incontrare nel Palazzo del Laterano i vescovi ausiliari e i 36 parroci prefetti della sua diocesi per chiedere loro di indicargli il profilo che dovrà avere il nuovo vicario di Roma che succederà al cardinale Agostino Vallini che il 17 aprile prossimo spegnerà 77 candeline. Francesco ha invitato tutto il clero della Capitale e anche i semplici fedeli a scrivergli l’identikit ma anche il nome del nuovo inquilino del Laterano. “Le lettere con le indicazioni sulle attese dei sacerdoti e dei fedeli riguardo alla nomina del nuovo vicario di Roma – ha precisato Vallini – le porterò al Papa. Io farò solo il postino. Le buste le consegnerò chiuse al Santo Padre”. E ovviamente al vertice della posta ci sarà la lettera che scriverà proprio il cardinale vicario uscente con l’indicazione del profilo ma anche del nome di colui che egli ritiene debba succedergli.
Tra i vescovi ausiliari prende quota la candidatura di monsignor Paolo Lojudice, delegato per il settore Sud della diocesi, per tanti anni parroco, molto vicino ai rom della Capitale. E spunta anche l’ipotesi di un parroco di Roma come successore di Vallini. Del resto, fanno notare a Casa Santa Marta, il vicario generale, almeno in Italia, viene quasi sempre scelto all’interno della diocesi e molto raramente fuori di essa. Un esempio, però, di ques’ultima possibilità è stato offerto recentemente dall’arcidiocesi di Palermo dove all’ex parroco di Modica divenuto guida della chiesa del capoluogo siciliano, monsignor Corrado Lorefice, è stato affiancato come vescovo ausiliare il cappuccino Giovanni Salonia nativo di Ragusa. Una scelta rara quella di un vicario generale extra diocesano e perfino religioso. Un caso analogo a quello di monsignor Filippo Iannone, attuale vicegerente di Roma, ovvero braccio destro del cardinale Vallini. L’allora arcivescovo di Napoli, il cardinale Michele Giordano, lo volle, nel 2001, come suo vescovo ausiliare seppure fosse un sacerdote carmelitano. Iannone, però, pur essendo un religioso, è un partenopeo verace.
Attraverso queste tre nomine chiave, Cei, Milano e Roma, Francesco avrà la possibilità in questo 2017 di segnare in modo davvero incisivo il volto della Chiesa italiana alla luce di quella missionarietà indicata nel documento programmatico del suo pontificato, l’esortazione apostolica Evangelii gaudium, che è la cifra del suo ministero sulla cattedra di Pietro. Seppure lo sguardo di Bergoglio sia sempre proteso verso le periferie, esistenziali prima che geografiche, nella certezza che è proprio lì che si governa meglio la Chiesa e non dal centro come si è spesso, se non sempre, pensato. L’apertura, in anticipo rispetto a quella della Basilica Vaticana, della prima porta santa del Giubileo straordinario della misericordia a Bangui, nella Repubblica Centrafricana, divenuta, seppur per un solo giorno, la capitale spirituale mondiale del cattolicesimo, è indicativa. Così come la nomina all’interno del Collegio cardinalizio di numerosi porporati provenienti dalle periferie del mondo, in molti casi da Paesi che non avevano mai avuto un loro rappresentante in quello che ancora oggi viene considerato il club più esclusivo in assoluto. E’ la rivoluzione di Francesco preso “quasi alla fine del mondo” in un conclave svoltosi dopo l’annuncio choc delle dimissioni di Benedetto XVI, che il 16 aprile prossimo festeggerà 90 anni. E’ la consapevolezza che il mondo, e quindi anche la Chiesa, si comprendono e si governano molto meglio dalle villas miseria, amatissime da Bergoglio, piuttosto che nei faraonici episcopi rinascimentali. Con buona pace dei principi in talare.
Fonte: Il Faro di Roma 

I santi del 19 Marzo 2017


Beato ISNARDO DA CHIAMPO   Sacerdote domenicano
† Pavia, 19 marzo 1244
Ricevette giovanissimo l’Abito di Predicatore dalle mani del glorioso Patriarca Domenico. Fu un così grande e compito Predicatore, potente non solo in parole, ma anche...
www.santiebeati.it/dettaglio/46600
San QUINTO E COMPAGNI   Martiri
Sorrento?, II secolo?
www.santiebeati.it/dettaglio/45950
San GIOVANNI   Abate
sec. VI
www.santiebeati.it/dettaglio/45980
Sant' ALCMONDO   Martire
† 819
Principe di Northumbria.
www.santiebeati.it/dettaglio/95179
Beato VINCENZO (KOLë) PRENNUSHI   Vescovo e martire
Scutari, Albania, 4 settembre 1885 – Durazzo, Albania, 19 marzo 1949
Kolë Prennushi, nato a Scutari in Albania durante la dominazione ottomana, fu alunno del collegio francescano della sua città. Entrò nell’Ordine dei Frati ...
www.santiebeati.it/dettaglio/95823
Beato MARCO DA MONTEGALLO   Francescano
Montegallo (Ascoli Piceno), 1425 - Vicenza, 19 marzo 1496
www.santiebeati.it/dettaglio/91740
Beato GIOVANNI (BURALLI) DA PARMA   
Parma, 1208 circa - Camerino, 19 marzo 1289
Al secolo Giovanni Buralli, entrato nell’ordine verso il 1233, dopo gli studi a Parigi e l’insegnamento a Bisogna, Napoli e Parigi nel 1245, fu eletto ministro generale a Lione nel...
www.santiebeati.it/dettaglio/46175
Beato RAMóN LLACH CANDELL   Sacerdote e martire
Il più grande dei quattro fratelli LLACH CANDELL , generale dell'Istituto, sacerdote e tesoriere. Era un insegnante esperto, soprattutto in matematica, ed era stato direttor...
www.santiebeati.it/dettaglio/96638
Beato JAIME LLACH CANDELL   Sacerdote e martire
Un altro membro della famiglia Candell Llach, sacerdote, vicario ed economo del collegio di San Ramon de Penyafort a Vilafranca. È stato anche tesoriere dell'Istituto. Di va...
www.santiebeati.it/dettaglio/96639
Beata SIBILLINA BISCOSSI   Domenicana
Pavia 1287 - 1367
La Beata Sibillina Biscossi, nata a Pavia nel 1287 e morta nel 1367, era orfana di padre e di madre. Appena ebbe la forza di sfaccendare, venne messa a servizio. Ma a 12 anni diven...
www.santiebeati.it/dettaglio/46750
Beato MARCELLO CALLO   Laico, martire
Rennes, Francia, 6 dicembre 1921 - Mauthausen, Austria, 19 marzo 1945
Nato a Rennes (Francia) il 6 dicembre del 1921, il beato Marcel Callo morì neanche 24enne, il 19 marzo 1945 nel campo di concentramento di Mauthausen. Fa parte della schiera...
www.santiebeati.it/dettaglio/46000
Beato ANDREA GALLERANI   Laico
Siena, sec. XIII - Siena, 19 marzo 1251
Di nobile famiglia, sì macchiò in gioventù di un delitto per cui fu condannato l'esilio. Tornato in città, si dedicò completamente al servizio dei poveri e degli ammalati, meditand...
www.santiebeati.it/dettaglio/58800
Beato NARCISO GIOVANNI (NARCYZ JAN) TURCHAN   Sacerdote e martire
Biskupice, Polonia, 19 settembre 1879 – Dachau, Germania, 19 marzo 1942
Il beato Narcyz Jan Turchan, sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori, nacque a Biskupice (Kraków), Polonia, il 19 settembre 1879. Deportato a causa della sua fede nel campo...
www.santiebeati.it/dettaglio/92903

SACRO MANTO DI SAN GIUSEPPE   
www.santiebeati.it/dettaglio/96369

Chiesa: Tv2000 dedica giornata a Carlo Acutis il futuro patrono di Internet


Tv2000
Lunedì 20 marzo l’emittente della Cei dedica la giornata al 15enne milanese morto di leucemia per il quale è in corso la causa di beatificazione.Tv2000 dedica una giornata a Carlo Acutis ragazzo milanese di 15 anni morto nel 2006 per leucemia fulminante, per il quale è in corso la causa di beatificazione, ritenuto il futuro patrono di Internet. Lunedì 20 marzo a ‘Bel tempo si spera’ alle 7.30 ospite di Lucia Ascione la mamma del giovane, Antonia Salzano, mentre alle 22.45 in onda il docufilm ‘La mia autostrada per il cielo – Carlo Acutis e l’eucarestia’, di Matteo Ceccarelli.

Papa Francesco: 'Rendere società libera dai condizionamenti della malavita' Messaggio Pontefice a familiari vittime innocenti mafie

Papa Francesco "incoraggia la comunità cristiana e civile ad impegnarsi sempre più nella costruzione di una società giusta, libera dai condizionamenti malavitosi e pacifica dove siano tutelati dagli organi competenti le persone oneste e il bene comune". E' il messaggio inviato dal Papa, attraverso il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, ai familiari delle vittime di mafia radunati a Locri per la Giornata della Memoria e dell'impegno. Il messaggio è stato letto da monsignor Nunzio Galantino.
ansa

DEFERITO ANDREA AGNELLI, NON IMPEDI' RAPPORTI JUVE-MALAVITA

 La Procura della Federcalcio ha deferito il presidente della Juventus Andrea Agnelli, che ''non ha impedito a tesserati, dirigenti e dipendenti della Juventus di intrattenere rapporti costanti e duraturi con i gruppi ultras, anche per il tramite e il contributo fattivo di esponenti della malavita organizzata". Agnelli ha giudicato la decisione ''inaccettabile, frutto di una lettura parziale e preconcetta nei confronti della Juventus e non rispondente a logiche di giustizia''.(ANSA).


TORINO-INTER 2-2 E MILAN-GENOA 1-0 IN ANTICIPI 29/A SERIE A

Torino-Inter 2-2 e Milan-Genoa 1-0 nei due anticipi della 29/a girnata di serie A. Con il parteggio l'Inter rimane al quintO posto, il Milan scavalca al sesto l'Atalanta, che pero' deve giocare oggi con il Pescara. 
ansa

E' MORTO A 90 ANNI CHUCK BERRY, FONDATORE DEL ROCK 'N' ROLL

AUTORE BRANI LEGGENDARI COME JOHNNY B. GOODE E MAYBELLENE E' morto a 90 anni a St. Charles County, in Missouri, il leggendario Chuck Berry, padre fondatore del Rock 'N' Roll, autore di brani decretati dal tempo intramontabili come il grande classico 'Johnny B. Goode'. La sua storia e' la storia dei suoi grandi successi che infiammavano i jukebox, a partire da 'Maybellene', del 1955, il primo singolo inciso da Chick Berry, considerato uno dei primi brani rock in assoluto, che rimase al primo posto delle classifiche di R&B per nove settimane. 
ansa

ALFANO ARCHIVIA NCD E LANCIA MOVIMENTO ALTERNATIVA POPOLARE MIRA A ESSERE VERA FEDERAZIONE CENTRISTA CON PRIMARIE

Angelino Alfano archivia l'esperienza del Nuovo Centrodestra e la mutua in un nuovo movimento che porta le stesse iniziali dei gruppi parlamentari centristi: ''Alternativa Popolare''. La parola 'popolare' e' il fulcro del nuovo soggetto, battezzato in un'assemblea a Roma davanti a circa 700 militanti. ''Alternativa Popolare'' mira ad essere una vera e propria federazione centrista con primarie per la leadership e per i parlamentari. Per quanto riguarda le alleanze, Alfano ha detto che con l'attuale legge elettorale il centro correra' da solo, ma si guarda ai centristi per l'Europa di Pier Ferdinando Casini e a Energie per l'Italia di Stefano Parisi. 
ansa

13/ENNE SCHIAFFEGGIATO E PRESO A PUGNI DAI BULLI A NAPOLI

PADRE PUBBLICA FOTO VOLTO CONTUSO SU FB, DENUNCIATE BULLISMO Un 13enne e' stato schiaffeggiato e preso a pugni da tre suoi coetanei. Il padre ha prima denunciato l'accaduto ai carabinieri e poi ha pubblicato la foto choc del ragazzino con il volto contuso su Fb, lanciando un appello a denunciare ogni atto di bullismo. Un post che in poche ore ha avuto decine di migliaia di condivisioni, con tantissimi commenti di genitori e ragazzi che hanno espresso solidarieta' al 13enne e alla sua famiglia. Il fatto e' accaduto, nel pomeriggio di venerdi' a Mugnano, un comune alle porte di Napoli. 
ansa

NOMINE: CAMBIO GUARDIA A LEONARDO E TERNA, TERREMOTO POSTE. IRA CINQUE STELLE: RENZI PIAZZA SUOI UOMINI, INTOLLERABILE

IRA CINQUE STELLE: RENZI PIAZZA SUOI UOMINI, INTOLLERABILE Cambio della guardia a Leonardo e Terna, terremoto in Poste, conferme complete in Eni ed Eel, nuovo presidente in Enav con lo stesso a.d.. Questo, in sintesi, quello che emerge dalla diffusione delle liste del Tesoro per i consigli d'amministrazione delle societa' partecipate quotate in Borsa. L'ex banchiere Alessandro Profumo prende il posto di Mario Moretti come amministratore delegato di Leonardo. Alle Poste le funzioni di amministratore delegato verranno svolte da Matteo Del Fante. Un nuovo a.d. anche per Terna, dove arriva Luigi Ferraris, gia' direttore finanziario delle Poste. Le indicazioni per i vertici delle societa' partecipate dallo Stato sono occasione per un nuovo scontro con il M5S. ''Lo scandalo per corruzione in Consip - si legge in un post a firma Movimento 5 Stelle sul blog di Beppe Grillo - a quanto pare e' come se non esistesse per Renzi. Adesso si sta dedicando, senza avere alcun titolo, a gestire le nomine e a piazzare i suoi uomini nelle cassaforti dello Stato. Questo è grave, intollerabile e pericoloso!''. 
ansa

ASSALE SOLDATESSA A ORLY GRIDANDO ALLAH, UCCISO DA MILITARI

NELLO ZAINO TANICA BENZINA, CORANO, DENARO E SIGARETTE A cinque settimane esatte dal primo turno delle presidenziali Parigi e' sprofondata di nuovo, ieri, nel terrore. Il 39/enne francese Zyed Ben Belgacem, un delinquente plurirecidivo, condannato nove volte per furti, rapine in banca e spaccio di droga e' stato protagonista di quattro assalti consecutivi in poche ore. Il piu' grave all'aeroporto di Orly, dove ha puntato la pistola alla tempia di una soldatessa che assieme a due colleghi dell'aeronautica era impegnata in una ronda. ''Posate le armi, mani sulla testa, sono qui a morire per Allah'' ha gridato, prima di venire ucciso dai due militari. Nello zaino dell'uomo c'erano una tanica di benzina, un Corano, 750 euro in contanti, un pacchetto di sigarette e un accendino. Ora si aspetta l'interrogatorio del padre, del fratello e di un cugino di Zyed per capire se avesse confidato di voler agire da terrorista. 
ansa